+39 0365 520027
Culinaria

La raccolta delle olive sul lago di Garda

3 minuti di lettura

Raccolta dorata nella regione di coltivazione più settentrionale d’Europa

In ottobre inizia la raccolta delle olive sul Lago di Garda. È un altro momento saliente dell’anno che viene celebrato con molte feste. Le sponde del Lago di Garda, in particolare quelle del Garda Trentino, sono considerate le aree olivicole più settentrionali. La costa orientale è spesso chiamata “Riviera degli Ulivi”, perché molti grandi uliveti si estendono lungo le pendici del Monte Baldo.

Grazie al mite clima mediterraneo, i caratteristici ulivi, alcuni dei quali hanno più di 100 anni, si sentono molto a casa qui. Con i loro tronchi nodosi e le foglie verde-argentee, caratterizzano il tipico paesaggio intorno al Lago di Garda, insieme a vigneti e limoneti, cipressi e cedri mediterranei, oleandri e palme.

Raccolta a mano e spremitura a freddo: Olio Extravergine Del Garda

Tra ottobre e novembre è tempo di raccolta, e intere famiglie stanno raccogliendo i loro olivi. In passato la raccolta veniva effettuata a mano, ma oggi si utilizzano anche attrezzature meccaniche. Ma la raccolta a mano è ancora il metodo più efficace: i frutti vengono sbattuti o scossi dall’albero e raccolti su grandi teloni o teli a terra sotto gli alberi. Ora devono essere portate rapidamente al frantoio per evitare che le olive mature si ossidino.

La cooperativa gestisce un frantoio molto conosciuto a San Felice del Benaco, a soli dodici chilometri da Gardone Riviera. Dal 1946, i piccoli produttori portano il loro raccolto di olive al frantoio per la spremitura e la vendita dell’olio insieme. Oltre all’olio della cooperativa, un piccolo negozio vende altri prodotti a base di olive e una linea di cosmetici, oltre a marmellate, miele, vino e formaggi. Tutti i prodotti in vendita sono di produzione locale e alcuni sono anche certificati biologici.

Il frantoio della Cooperativa Agricola San Felice lavora solo olive dei soci provenienti dalla zona di coltivazione della Valtenesi e del basso lago di Garda. La visita al mulino offre interessanti spunti per la creazione del prodotto agricolo più prezioso del Lago di Garda.

Spremuto a freddo e filtrato, l’olio d’oliva fresco non è solo una prelibatezza, ma è da secoli uno degli alimenti sani di base nel Mediterraneo. Un pezzo di buon pane fresco, intinto nell’olio d’oliva vergine del nuovo raccolto, aggiungete un po’ di sale e avrete un antipasto difficile da battere per gusto e semplicità! La maggior parte delle olive dei paesaggi intorno al Lago di Garda sono meno adatte al consumo diretto, ma se ne ricava un ottimo olio d’oliva, ricco di polifenoli e quindi molto salutare.

Dopo la raccolta, la festa: la sagra dell’olio d’oliva a Castelletto di Brenzone

Il modo migliore e più piacevole per toccare con mano la qualità dell’Olio Extravergine d’Oliva del Garda è partecipare a una delle tante sagre che celebrano la fine della raccolta delle olive sul Lago di Garda. La più nota è la festa dell’olio d’oliva “Antica Fiera di Santa Caterina”, che si celebra per alcuni giorni di novembre a Castelletto di Brenzone, circondato da uliveti sulla sponda orientale del Lago di Garda, e culmina il 25 novembre. Durante questa tradizionale festa di Santa Caterina, l’attenzione è rivolta all’olio nuovo e molte bancarelle offrono specialità regionali da assaggiare e conoscere. Come il “Pan di Molche”, un pane a lievitazione naturale cotto con le “Molche”, ricavate dalla sansa delle olive spremute, dal sapore eccellente e disponibile solo nel periodo della raccolta delle olive.

Olio Extravergine d’Oliva del Garda: Massima qualità e distinzione

Il colore dell’olio di oliva del Lago di Garda varia dal verde a toni intensi e anche gialli delicati, l’aroma è fruttato leggero o medio, una nota dolce è tipica nel gusto, con una leggera nota di mandorla nel finale. Inoltre, il contenuto di acido oleico è inferiore allo 0,5%.

Si dice che le estati calde e secche, seguite da pochi giorni di pioggia in autunno, garantiscano un ottimo olio d’oliva, secondo l’esperienza dei proprietari di oliveti. Non pochi anziani italiani attribuiscono la loro salute a un cucchiaio quotidiano di olio d’oliva puro.

In generale, l'”Olio Extravergine d’Oliva del Garda” è considerato un olio di oliva di altissima qualità, che non a caso ha ottenuto la denominazione di qualità D. O. P (Denominazione d’Origine Protetta) per niente.